Categoria: <span>Comunicati stampa</span>

Sabato la presentazione della tela scomparsa 50 anni fa e apertura di una mostra

Dopo 50 anni dalla sua scomparsa in circostanze misteriose, la Madonna del Lume sta per essere restituita ai cittadini corleonesi. Il quadro del ‘700, trafugato nel 1970 e ritrovato dalla polizia lo scorso mese di luglio, sarà celebrato con una mostra allestita nella Cappella della Compagnia dei Bianchi. L’inaugurazione è prevista per sabato 22 agosto a partire dalle 10. L’ingresso è gratuito. 

Per questa speciale occasione, riapre le porte l’Ex Ospedale della Compagnia dei Bianchi, gioiello storico e architettonico di Corleone. La Compagnia dei Bianchi dello Spirito Santo lo ha candidato come “Luogo del cuore” del Fondo Ambiente Italiano e l’Amministrazione comunale ha tra i suoi progetti quello di migliorare la fruibilità del complesso ex ospedaliero, prendendo a modello lo Spasimo di Palermo. Lunedì prossimo, al suo interno è in programma un concerto di Palermo Classica. 

L’apertura della mostra “Il capolavoro ritrovato: la Madonna del Lume” sarà preceduta dalla presentazione ufficiale della tela. Dopo i saluti del sindaco Nicolò Nicolosi, dell’assessore alla Cultura e alla Legalità Walter Rà, del presidente della Compagnia dei Bianchi Vincenzo Gallina, interverranno tra gli altri il senatore Riccardo Nencini, presidente della Commissione Cultura del Senato, monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, il questore di Palermo Renato Cortese, il professore Alessandro Bedini della Fondazione Campus Lucca, Studi del Mediterraneo, la professoressa Mariny Guttilla, docente di Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Palermo.

Durante la cerimonia, un encomio sarà conferito al commissario capo della Polizia di Stato di Corleone, Filippo Li Volsi, e all’ispettore Orazio Antonino Melita per l’impegno profuso nella ricerca del dipinto scomparso. Inoltre, si esibiranno due violinisti della Massimo Kids Orchestra, Luca Provenzano e Salvatore Pasqua (entrambi corleonesi), insieme al tenore Christian Rimasti.

La mostra comprende anche una tela che rappresenta la Madonna di Trapani e alcuni volumi originali appartenenti alla Compagnia dei Bianchi dello Spirito Santo. Per visitarla, in ottemperanza alle norme per la prevenzione della diffusione del coronavirus, sarà necessario indossare la mascherina. Prima dell’ingresso, nell’atrio dell’Oratorio, sarà proiettato un video introduttivo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Chiudi