comune di corleone - sito ufficiale
Il Sindaco
Il Presidente del Consiglio
Giunta
Consiglio Comunale
Gruppi Consiliari
Commissioni
Statuto
Programma Amministrativo
Relazione Annuali Sindaco
Bollettino Ufficiale
News e Comunicati Stampa
Consulta Giovanile
Stemma e Gofalone
Segreteria
Ufficio di Gabinetto
URP
Rubrica Tel. del Comune
Uffici Comunali
Modulistica
Autocertificazione
Numeri Utili
Il Comune in cifre
Storia
Come Arrivare
Ristoranti ed Alberghi
Fotografie
Siti web
Museo
Biblioteca
BORGATA DI FICUZZA
Storia
La Riserva
Ricettività
Fotografie
Lipu
Sicurezza Sociale
Politiche del Bilancio/Tributi
Gestione del Territorio
Sviluppo Economico
Cultura e Sport
Le Infrastrutture
Risorse Umane
Servizi Pubblici
Regolamenti
Delibere di Giunta
Delibere del Consiglio
Determine Sindacali
Ordinanze Sindacali
Determine Dirigenziali
Bandi
Incarichi Professionali
Operazione trasparenza
 
 
 

Museo Civico

Orario di Apertura
Tutti i giorni dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 19,30
escluso la domenica pomeriggio
Tel. 0918463918
Direttore Angelo Vintaloro
Il Museo Civico di Corleone è stato istituito nel 1991 pertanto si ringraziano i Sindaci, i Commissari Straordinari e gli Assessori comunali alla Cultura che si sono succeduti alle guide di quest'importante iniziativa. Si ringrazia inoltre la Soprintendenza di Palermo nelle persone della Dott.ssa Carmela Angela Di Stefano, Dott.ssa Francesca Spatafora, Dott. Sebastiano Tusa e gli assistenti Nicola Ducato e Antonella Testa per la fattiva collaborazione e vigilanza accordataci. Si ringrazia la baronessa Valenti Cammarata Maria Carolina,per la donazione del Miliare
Romano, nonché tutti gli altri donatori che hanno arricchito la collezione civica. Ha al suo interno il " Centro Siciliano di Preistoria e Protostoria", il cui Direttore è il Dott. Sebastiano Tusa e Vice Direttore Angelo Vintaloro, il "Centro Siciliano di Archeologia e Topografia Medievale" il cui Direttore è il Dott. Ferdinando Maurici e il "Laboratorio di Archeologia Preistorica".Ha organizzato il "I° Congresso Internazionale di Preistoria e Protostoria Siciliane" nel 1997, a Corleone (PA), di cui sta curando gli atti.
Ha organizzato il "I° Congresso Internazionale di Archeologia Bizantina in Sicilia" nel 1998, a Corleone (PA), di cui sta curando gli atti.
ISTITUZIONE MUSEO CIVICO
Il Museo Civico di Corleone è di recentissima costituzione. Nel 1991 il Comune di Corleone acquistava dalla famiglia Provenzano, l immobile sito in via Orfanotrofio, nel centro storico cittadino.L'edificio risale alla metà del XIX secolo e presenta i caratteri architettonici di un'edilizia alto-borghese sette-ottocentesca tipica dell'epoca. Gli ambienti interni sono tutti con volta a cuscino decorati con stucchi e dipinti e pavimenti in maiolica.
PIETRA MILIARE
Il pezzo più pregiato, e storicamente unico in Sicilia è sicuramente il "Miliarium", riportante l'epigrafe di Aurelio Cotta Console ed il LVII distanza in miglia da Agrigento, in quanto era posto lungo la strada consolare romana Palermo-Agrigento. Tale reperto è stato recuperato nel 1954 da Giovanni Valenti e nel 1991, dietro interessamento, è stato annesso alla collezione civica, costituendo il primo reperto della stessa.
REPERTI GEOLOGICI E PALEONTOLOGICI
I reperti fossili (alcuni unici al mondo) provengono da Pizzo Nicolosi, Madonna del Malpasso e Giammaria Sono costituiti da denti, vertebre e placche di squalo (Madonna del Malpasso), ammoniti (Pizzo Nicolosi) e fossili di vario tipo di acqua dolce. Molto importanti i reperti paleontologici costituiti da denti di jena e ossa di cervo da grotta Favarotte in territorio di Giuliana, denti di bue (contrada Castro) e corna di cervo (Spolentino).
REPERTI DEL PALEOLITICO SUPERIORE E MESOLITICO
Molti strumenti si identificano nella tipologia Epigravettiana ritrovati lungo le sponde del Belice Sinistro, in contrada Muranna. Cospicua la manifattura di microliti tra cui spicca il trapezio o armatura a tranchant trasversale ottenuta con la tecnica del microbulino.
REPERTI DEL NEOLITICO
I pezzi più importanti sono quelli provenienti dalla Grotta Cutrupia presso Pizzo Nicolosi, costituiti da frammenti di ceramica stentinelliana e da un punteruolo in osso di ovino. Nonchè da Grotta Favarotte,dove è stata ritrovata la ceramica di colore rosso lucido con ansa a rocchetto attribuibile alla cultura di Diana (Neolitico superiore 3500-2500 a. C.) e frammenti vari pertinenti alle culture della stessa epoca, nonché interessanti frammenti ceramici provenienti dal villaggio preistorico di Contrada Giacomobello alle pendici di Montagna Vecchia.
REPERTI DELL'ENEOLITICO
E' presente nei siti di Pizzo Pietralunga, Giacomobello, Parodi, Grotta Favarotte, Cozzo Pernice e Spina, con vari frammenti ceramici in prevalenza della Cultura di Serraferlicchio, (2300-2150 a C), con il pendente litico proveniente da contrada Spina e le varie lame e punte in selce e ossidiana Ceramica dell'eneolitico finale attribuibili alla cultura del Malpasso, proviene da Fiume Pietralunga, Pizzo Pietralunga, Grotta Cutrupia, Grotta Salerno, e Montagna Vecchia. Discorso a parte merita la cultura del Campaniforme, fortemente presente nel Corleonese e nello Jato, con la tipica decorazione a bande orizzontali con la tecnica del pointillè. Di rilievo un peso premonetale in bronzo proveniente da Grotta Favarotte.
REPERTI DELL'ETA' DEL BRONZO
Il reperto più importante è sicuramente la ciotola carenata, attribuibile alla cultura di Rodì - Tindari - Vallelunga (1900-1400 a. C.) proveniente dal sito di Montagna Vecchia, mentre sono molto importanti i frammenti ceramici provenienti da vari siti "orbitanti" attorno agli insediamenti egemoni di Montagna Vecchia, Monte Arcivocalotto e Contrada Muranna, tra cui spicca l'insediamento Castellucciano di Contrada Caputo, poco distante dall'abitato corleonese.
REPERTI DELL'ETA' DEL FERRO
Di rilievo la ceramica "Elima", a cerchi concentrici tremolanti provenienti da Montagna Vecchia, nonchè la ceramica protostorica di contrada Poira, Pizzo Spolentino e Pizzo Nicolosi risalenti al X-VIII secolo a. C.. Bellissimo il flauto in osso inciso proveniente dalla zona dello Jato.
REPERTI DI PERIODO GRECO CLASSICO
Di rilievo la Kylix ed il Lekhythos, a figure rosse, provenienti dalla necropoli di Montagna Vecchia risalenti al V-IV secolo a. C.. Molto importanti i vaghi in ambra e pasta vitrea, il guttus ed alcuni piattini a vernice nera, oltre ad una serie monetale bronzea, di Agrigento, Entella e Gela, provenienti da Montagna Vecchi
REPERTI DI PERIODO ELLENISTICO-ROMANO
Importantissime le statuette fittili (III-I secolo a. C.) tra cui spiccano il dio Bes ed una Venere al bagno nonchè le tracce di policromia presenti ancora in un paio di esse. Unico nel suo genere il manufatto in osso raffigurante, probabilmente, una barchetta, proveniente da Pizzo Nicolosi. Molto rilevante la ceramica di tipo sigillata Italica ed Africana, tra cui spicca quella proveniente da Contrada Strasatto; il piatto a vernice nera con occhione centrale e palmette impresse, proveniente da Pizzo Nicolosi; le bottiglie in vetro provenienti, probabilmente, da Contrada Carrubba; le lucerne di Contrada Bisagna; il Grande Mosaico di Contrada Muranna; le Monete puniche bronzee provenienti da Pizzo Nicolosi, S. Elena, Ciccotta, Strasatto e Muranna.
REPERTI D PERIODO MEDIEVALE
Di primaria importanza il gettone in pasta vitrea, i frammenti ceramici invetriati di colore verde, con solcature incise e raffigurazioni zoomorfe stilizzate, le monete del periodo di Guglielmo Il, Enrico VI e Costanza nonchè di Federico II, ed alcuni denari Aragonesi (XI-XV secolo d. C.)
REPERTI DI EPOCA STORICA
Di questo periodo esiste una sciabola, dell'esercito piemontese del 1848, "riciclata" dall'esercito garibaldino per la famosa spedizione dei Mille del 1860. Bellissima l'uniforme garibaldina, con relative armi, del Soldato Cetrano.
SEZIONE ETNO-ANTROPOLOGICA
La civiltà contadina occupa un posto di rilievo all'interno del Museo Civico. E' costituita dal ciclo del grano, della pastorizia e della tessitura, nonchè da molto materiale di uso domestico. Gli aratri, le selle e i tridenti, oltre alla "Ruota" dell'ex Orfanotrofio ed ai vecchi estintori a polvere ed ai "Criva" con corde in budello, rappresentano i pezzi più pregiati di un'epoca ormai scomparsa, ma sempre nei nostri ricordi più belli e commoventi.
CAMPI DI RICERCA 1992-94 SUL SITO DI MONTAGNA VECCHIA
Sul sito di Montagna Vecchia sono state effettuati due "Campi di Ricerca Archeologica" nel 1992 e nel 1994, guidati dall'Archeoclub in collaborazione con il Comune di Corleone, e sotto la vigilanza della sezione archeologica della Soprintendenza di Palermo. I risultati sono stati eccezionali. Evidenziate le cinte murarie interne ed esterne dell'insediamento; perimetrato l'enorme Castello Medievale; individuati e ripuliti alcuni edifici pubblici e privati, nonchè sono stati rimossi i detriti di una tomba del periodo Greco, all'interno della necropoli.
 
 
 
 
 
     

 

 

 

 
Homepage