GESTIONE BENI CONFISCATI ALLA MAFIA

Sono tre attualmente i beni confiscati alla mafia gestiti dal Comune di Corleone e sono sede:

Il primo è ospitato in una palazzina confiscata a Bernardo Provenzano in cortile Colletti.

La Cooperativa Lavoro e non solo ha la sua sede legale in un edificio di via Francesco Crispi che un tempo apparteneva ai fratelli Grizzaffi e che oggi funge anche da ostello per i ragazzi che frequentano i campi estivi nelle terre confiscate, Casa Caponnetto. Gestisce un laboratorio per il confezionamento di legumi che apparteneva a Totò Riina e un’azienda agricola che coltiva terre confiscate tra Corleone, Monreale e Canicattì.

L’immobile dove invece si trovano il Consorzio Sviluppo e Legalità e le sedi di Inail e Iacp era di proprietà di Rosario Lo Bue, arrestato prima nel 2008 e poi nel 2015. La casa, in cui vivevano i familiari del boss, è stata sgomberata nel 2017 con un provvedimento dell’Agenzia nazionale dei beni confiscati. E’ stata quindi affidata all’amministrazione comunale per fini istituzionali.

Elenco dei Beni Confiscati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Chiudi