Le Rocche di Corleone

Rocca Sottana

Il paesaggio corleonese è dominato dalle “Rocche gemelle”. Si tratta di due rupi alte e isolate che sono diventate un vero e proprio simbolo della città.

Ad est del centro abitato si trova la Rocca Soprana. Si può raggiungere passando davanti al sagrato della chiesa di San Michele Arcangelo e proseguendo lungo un sentiero che costeggia la rocca stessa, in mezzo ad un dedalo medievale di piccole viuzze.

Il Castello Soprano fu costruito nel IX secolo ed è stato edificato dagli Arabi come torre d’avvistamento per la difesa di Corleone. E’ costituito da un volume cilindrico coperto da una sorta di cupola in muratura di pietra a secco. La torretta in cima viene definita “saracena”, ma la datazione è piuttosto dubbia. Era già in rovina nel XVIII secolo.

La Rocca Sottana si trova al centro di Corleone, dal lato opposto rispetto a quella Soprana. Dell’originario complesso medievale, collocato su un monolite sulla riva destra del fiume, rimangono probabilmente solo le mura di cinta. L’edificio ha una forma rettangolare e irregolare ed è composto da diversi corpi di fabbrica addossati l’uno sull’altro.

Fu ristrutturato dai Borboni intorno al 1845 e utilizzato come carcere fino al 1968. Oggi, adeguatamente adattato, è diventano un eremo francescano in cui vivono i Frati Minori Rinnovati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Chiudi